Ok, ok, la notizia l’abbiamo letta tutti e non c’è bisogno che la stia a ripetere. Niente “case”, almeno per adesso, poche informazioni e due occhiaie pari a quelle di Sallusti per gli italiani rimasti desti a seguire la conferenza.

A dire il vero la mia prima sensazione è stata decisamente deludente: non mi aspettavo un prototipo di HAL 9000 però qualche effetto speciale sì. Speravo in una presentazione più muscolare, magari artefatta ma esplosiva. Così, indubbiamente non è stato, anzi, va detto che ci sono stati anche dei momenti decisamente

Uno per tutti: la tech demo del Luminous Engine, riproposta da una Square-Enix in manifesta difficoltà creativa.

Proprio quando mi sentivo pronto a sintetizzare la conferenza Sony con un “si stava meglio quando si stava peggio”, questo articolo, molto intelligente e ragionato, è venuto in mio soccorso.
Infatti, mi trovo a concordare con l’autore sul fatto che, in effetti, Sony qualche innovazione silenziosa, nella sua presentazione, l’ha mostrata: con l’architettura di Ps3 avevano fatto a botte molte software house, voce di popolo la presentava come una console difficilmente gestibile e arcigna da programmare. Proporre un hardware più user friendly, magari rinunciando a un po’ di potenza, è una mossa sensata, utile anche ad avvicinare gli sviluppatori third-party che necessiteranno di meno personale (e quindi di budget più contenuti) per avviare i loro progetti.

Un po’ meno Apple e un po’ più Steam. Non male come idea.

Parlando invece dell’aspetto sociale, tanto pubblicizzato dalla società, il discorso mi sembra più complesso: al contrario di quello che può sembrare a una prima impressione, spingere l’acceleratore sullo share gaming è, in realtà, un modo per catturare e stimolare l’utenza (autonominatasi) hardcore. La condivisione di dati, stastische e graduatorie è alla base dei processi che hanno decretato il successo di MMORPG, First-Person Shooter competitivi online e simil-Diablo, imperniati sulla caccia all’equipaggiamento migliore, al posizionamento in classifica più alto e sul PvP.
Perché si definiscono generi hardcore? Perché necessitano di allenamento, dedizione, farming e di una mole notevole di ore di gioco. Incentivare le potenzialità di condivisione tra giocatori non è altro che puntare su questo tipo di titoli e su questa utenza.

Il problema è che non so quanto il messaggio sia riuscito a filtrare per adesso e non so quanto Sony sia riuscita a rendere manifeste le sue intenzioni, che non si limitano a dare, ai giocatori, la possibilità di aggiornare il profilo Facebook con il DualShock (‘na cosa indispensabile direi, praticamente vitale).
Anche vero che per fare questo c’è ancora tempo e non mancheranno altri appuntamenti (uno su tutti: E3) per mostrare in maniera più massiccia le funzionalità del nuovo tasto “Share“.

Terzo, e sicuramente più controverso punto, è la questione Ps Vita.

La possibilità di giocare in remote play alla Play4 utilizzando Vita è suggestiva, fisiologica risposta a Nintendo e al suo nuovo controller, il problema è che questo non risolve un altro problema fondamentale: PS Vita deve diventare un console autonomamente degna di essere acquistata e non una sorta di controller di lusso.

Non è sbagliato dire che Vita sia fondamentale per il destino di Sony, anche perché le sue vicissitudini si legano a doppio nodo con la condizione del mercato Giapponese: Sony, per vincere la scommessa Vita, ha il compito di convincere e dare la possibilità alle case sviluppatrici di proporre nuovi brand, magari studiati appositamente per il mercato portatile. In particolare, è necessario per le software house orientali uscire da un’ottica di mercato regionale e conservativa: la PSP, principale contenitore di JRPG e di altri titoli pensati unicamente per il mercato giapponese, è L’esempio più fulgido di questo modo di fare.

Vita può diventare l’arma migliore per fidelizzare ulteriormente l’utenza e portare avanti un progetto solido di mercato, o, al contrario, trasformarsi in un Titanic economico per la sua casa produttrice. Il primo anno non è stato dei migliori, ma le possibilità per migliorare ci sono.

Playstation 4 – Du’ cazzate in libertà
Tag:                     

2 pensieri su “Playstation 4 – Du’ cazzate in libertà

  • 21 aprile 2013 alle 15:48
    Permalink

    What i don’t understood is in reality how you’re not really a lot more smartly-liked than you may
    be now. You are very intelligent. You realize thus significantly with regards
    to this topic, made me in my opinion imagine it from a lot of various angles.
    Its like women and men are not interested except it’s one thing to accomplish with Girl gaga! Your individual stuffs great. Always handle it up!

    Rispondi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: