Parliamoci chiaro: abbiamo diminuito il numero di articoli perché è agosto e le ferie, visto anche che qui non ci paga nessuno, ce le siamo voluti prendere un po’ tutti nello stesso momento. Così oggi vi beccate un Consigli rapido, ma non per questo meno interessante.

“Agosto bel mi libro un ti ‘onosco” recita un celebre adagio pisano, e ben vale anche per i fumetti. Cosa intendo dire: in estate, specie ad agosto, nessuno ha voglia di letture massacranti e impegnative – se vedete qualcuno con il Faust di Goethe sotto l’ombrellone stategli lontano: o è malato di mente, oppure è un kamikaze e sta nascondendo una bombetta fra le pagine del libro – perciò anche il nostro consiglio della settimana si adatta a questa ferrea regola.
Ecco per voi il fumetto di questa settimana: FrankenCastle.

Sì, è la quint’essenza del trash.

Per affrontare la lettura è necessaria una breve premessa di trama.
La serie pensata da Rick Remender e Jerome Opena è in realtà un ciclo di 21 numeri in cui Frank Castle alias Il Punitore muore e risorge più incazzato che mai. Non che normalmente sia un tipino sereno, eh.
I numeri che vi propongo di leggere vanno dal 17 al 21, anche se per apprezzare al 100% la storia vi dovreste leggere anche il numero 1 della serie Dark Reign: La Lista.
Per tutti coloro che – giustamente – ad agosto non hanno voglia di fare i salti mortali per apprezzare ulteriormente quest’epopea del trash ci penso io: ecco il riassunto.
Norman Osborn è il nuovo capo dello Shield in seguito al fallimento di Tony Sterko durante l’invasione Skrull e al successo invece dello psicopatico alter ego di Goblin a capo dei Thunderbolts (altra serie che vi consiglio). Norman “il folle” Osborn ha una lista personale di soggetti che vuole eliminare permanentemente per facilitare la sua scalata al potere. Fra questi ovviamente figura il nemico di sempre, l’uomo ragno, ma è presente pure un altro nome noto ai Marvel-fan: Frank Castle.
Di Frank se ne occuperà Dark Wolverine, ovvero il figlio tamarro di Wolverine: Daken.
Per la prima volta Castle muore (la prima ufficiale, in realtà il Punitore è già morto una volta prima che Garth Ennis lo riportasse alla gloria che spetta a questo brutale fascista a fumetti) per mano del vendicatore oscuro, e muore anche male: tagliato a pezzi piccoli piccoli manco fosse un macinato per hamburger.
La storia sembra finire qui, ma Morbius, il vampiro vivente, recupererà i resti di Castle trascinandolo nelle fogne e riportandolo a nuova vita.

Bello e dannato

Frank per qualche numero aiuterà i suoi nuovi amici: licantropi, cose pelose parlanti, donne vampiro e mummie. Fino a che non ci sarà il faccia a faccia con Daken: la vendetta di Castle.

Ecco, i numeri che vi invito a leggere partono proprio da qui. In quest’ultima parte della serie FrankenCastle si picchierà forsennatamente con Daken in modo da ripristinare il proprio onore ed orgoglio.
Nel duello interverrà anche l’originale Wolverine, cosicché il duello si trasformerà in una Battle-Royal grottesca e purulenta.

È evidente come questo ciclo di storie non trasmetta niente di più al lettore che un puro divertimento in stile anni ’80: botte, battute da maschio alpha in vacanza e sangue a litri. Questo però non significa che la qualità della storia sia bassa: in Italia i due volumi con cui pubblicarono l’intera storia uscirono a distanza di sei mesi l’uno dall’altro, e il sottoscritto aspettò pazientemente l’uscita del volume conclusivo perché la storia era buona e adesso, sempre il vostro Capo Penna Stanca, se la legge con gusto di quando in quando, nei momenti in cui se ne ha piene le palle del pensiero filosofico morrisoniano e il cervello va staccato quindici minuti.

Per cui eccovi serviti: un divertissement in piena regola.
Buona lettura e buone vacanze.

Consigli del Martedì: FrankenCastle
Tag:                                         

Un pensiero su “Consigli del Martedì: FrankenCastle

  • 5 Agosto 2014 alle 20:35
    Permalink

    Sembra tanto tamarro che interessante. Mi ha incuriosito questa versione horror.

    Rispondi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: