Lo sanno anche i muri ormai: dopo 15 lunghi anni è finito uno dei manga più famosi di sempre: Naruto.

Lacrime.

Ma veniamo a noi: cosa ci lascia il manga di Masashi Kishimoto ora che tutto è finito? Si è trattato veramente di uno dei manga più importanti di sempre? Oppure la sua fama e i suoi meriti sono più legati a un’ottima gestione del brand anziché alla cura di trama e contenuti?
Scopriamolo insieme: 3 autori, 3 opinioni.


Silwe37
 Parto io, il meno fan del gruppo: a me questo finale non è piaciuto. O meglio, mi aspettavo molto di più. Come quando l’allievo è bravo ma non si applica. Passo indietro: è il 2006, inizia Naruto su Italia 1. E già lì non mi emoziona, target troppo giovane, un misto fra Dragon Ball ed Harry Potter, un personaggio bidimensionale e dei disegni non proprio entusiasmanti. Combattere coi sandali? Maddavero? Poi la svolta: parte la seconda serie, lo Shippuden. E qui iniziamo a fare sul serio, Naruto è cresciuto, Sasuke ha preso la sua strada, esploriamo Itachi e Jiraya ma soprattutto c’è lo scontro con Pain, il punto più alto della serie. Qual è il problema quando si tocca il punto più alto? Esatto, si può solo scendere. Da lì il fumetto diventa prevedibile, si capisce subito che Naruto sarebbe diventato il più forte del mondo e che avrebbero sconfitto il cattivo definitivo con Sasuke. E che Sasuke, come Obito, si sarebbe pentito e sarebbe tornato fra i buoni. Perchè si, in Naruto quasi tutti ritornano buoni quando vengono sconfitti, un po’ come nel finale di Rocky 4. Tutti avevano un motivo strappalacrime per essere cattivi. Durante l’ultimo anno, mi sono messo a scommettere con i miei amici di settimana in settimana, cercando di indovinare il contenuto della puntata successiva….ma poi abbiamo smesso: indovinavamo sempre.

Cosa ci resta di Naruto? Un ottimo Shonen, ma che non si merita il posto fra “i migliori”. Uno di quei manga del quale consigli di leggere solo un arco narrativo.

images
…comunque non si può combattere in sandali.

 Naruto è finito. Tragedia. Ho iniziato a leggerlo più o meno in concomitanza con il mio esame di maturità, non ricordo se prima o dopo, ma mi ha fatto compagnia in tutti questi anni, in cui la mia vita è cambiata totalmente e, proprio ora che sono a una svolta decisiva finisce. Dubito sia un caso.

Scusate se i miei toni sono un po’ smielati ma questo manga ha davvero significato tanto per me, è il primo e unico manga di cui ho comprato tutti i numeri e che ho rincorso per avere tutti gli arretrati.
Naruto è un manga per ragazzi, e questo va tenuto a mente. In Giappone c’è questa forte distinzione fra manga per ragazzi e per adolescenti/giovani adulti, e le tematiche affrontate sono totalmente differenti. Per farvi capire meglio con un esempio: Dragon Ball è un manga per ragazzi; Death Note è un manga per adolescenti con qualche anno in più sulle spalle.
La differenza fra i due citati è netta, e non ho scelto Dragon Ball a caso in quanto il grande manga di Akira Toryama è molto amato da Kishimoto e presenta tantissime analogie con Naruto. Entrambi raccontano il percorso di crescita e maturazione del protagonista, dall’infanzia all’età adulta e ci mostrano come la sua positività e il suo desiderio di non arrendersi mai trionfino su tutto. È moto semplice il messaggio di Naruto (come quello di Dragon Ball, del resto) e non devono arrabbiarsi i milioni di fan nel mondo quando dico questo, semplicità non significa scarsità. Anzi.
Naruto ha avuto alti e bassi durante il suo percorso editoriale di 700 numeri, un inizio sfolgorante, un apice toccato durante la saga di Pain, e un finale a tratti confuso e in certi frangenti tirato un po’ per le lunghe.
Beh è vero, il finale di Naruto era telefonato praticamente dal primo numero, e sapevamo tutti che il biondo ninja sarebbe diventato Hokage, eppure nel finale – nonostante alcune cappellate clamorose – ho trovato una grande coerenza e la prova di come Kishimoto avesse pianificato quasi ogni mossa riuscendo a portare al giusto compimento un’opera durata qundici anni mantenendo una forte coerenza interna.
Il messaggio di Naruto è più di tutti uno: non arrendersi mai. Portare il proprio credo (ninja) fino in fondo, anche a costo della vita, è ciò che caratterizza uno shinobi e ciò che lo rende meritevole di onore. Una delle storie più belle e dove si vede l’altro lato di questo ragionamento è «Come muore uno shinobi», numero in cui il cattivo Kisame preferisce darsi in pasto ai propri squali piuttosto che rivelare i segreti di Akatsuki/Alba, non arrendendosi quindi alla tortura e rimanendo fedele al proprio credo ninja. Non arrendersi è quindi la chiave con cui va letto tutto il manga, ed è l’unico modo per cui il finale con lo scontro con Sasuke assume un altro gusto: Naruto ha promesso di redimere Sasuke e di riportarlo con il cervello dalla parte sana del cancello, se si arrende uccidendo Sasuke o morendo egli stesso il manga perde di significato. Naruto serve a farci capire che la forza di volontà è tutto e se decidiamo di non mollare tutto è possibile.
In tutto questo però ci sono alcuni particolari che non ho digerito, in particolare 2: il primo, perché resuscitare Orochimaru? La scusa del Deus ex Machina necessario per resuscitare i vecchi Hokage non regge molto, mi vieni quindi da pensare che sarà utilizzato per la fase due di Naruto (sì, Naruto non è davvero finito, cari miei); mentre il secondo punto ha un carattere più narrativo. All’inizio del manga il giovane Naruto era indubbiamente il protagonista, però il fascino e l’originalità delle sue storie era molto più legato al cast di comprimari che al carisma del biondino. Neji, Shikamaru, Rock Lee, ma anche nemici come Zabuza… In Naruto ciò che davvero era forte, ciò che davvero teneva incollati a leggere una pagina dietro l’altra erano i punti di vista contrastanti fra i “buoni” e i “cattivi”, cosicché il margine fra i due fosse davvero sottile come la stessa pagina su cui erano disegnati. Pensiamo a Neji: è uno stronzo, e un arrogante, ma ha una storia personale tremenda alle spalle e in fronte porta un marchio maledetto che, se attivato – indipendentemente dalla sua volontà – può bruciargli i neuroni fino a ucciderlo. Con un affare così in testa voi come vi sentireste? E questo è solo un esempio. In Naruto i cattivi non erano degli stronzi da uccidere ma figure da compatire, spesso vittime di un destino pesante e credule che li aveva trascinati irresistibilmente all’oblio. E la forza dello scontro era la contrapposizione eterna con Naruto, che, nonostante dentro portasse il peggiore dei flagelli (il più terribile dei bijuu sigillato contro la sua volontà all’interno del proprio corpo e, simbolo e causa della morte dei propri genitori) non si è mai arreso, continuando a portare avanti il suo credo ninja di pace e amore.
Probabilmente il disappunto di molti fan (compresi i miei colleghi) sta proprio in questa parola: amore.
Al giorno d’oggi leggere una storia che parla di pace, amore e volemosebbene  ci fa storcere il naso e gridare al powerrengerismo. Ma un manga istruttivo, pedagogico e, destinato a dei bambini come target principale trovo sinceramente rincuorante, in tempi di vuoto nichilismo come questi, che parli di temi profondi (anche se per qualcuno scontati) e per niente facili come la pace, l’amore e la voglia di non arrendersi mai.
Per cui un applauso a Naruto: sono fiero di aver comprato tutti i numeri finora e, non vedo l’ora finisca anche in Italia così da rileggere la storia per intero, finalmente.


Krathos
 Sono il più giovane del gruppo e si lo posso dire sono CRESCIUTO con Naruto. La mia grande passione per questo manga è nata nei miei primi anni di medie e, più precisamente, dal video del primo scontro tra Naruto e Sasuke. Proprio dalla fine direte voi?? Si, allora ovviamente non sapevo ancora nulla dei personaggi, però, dovrete ammetterlo, sentire la canzone In The End dei Linkin Park, che fa da sottofondo a due ninja che si frantumano dalle mazzate ha un certo fascino, no? Questo fascino si tramutò ben presto in passione e vivo interesse, portandomi anche a giocare ad uno pseudo dungeons and dragons, ambientato nel mondo del piccolo ninja biondo, solo per personificare gli eroi che all’epoca amavo tanto.Vi posso anche fare un elenco di tutte le cose da fan boy fissato che ho fatto per imitare i giovani ninja e le loro imprese come: far finta di dar vita ad un rasengan mettendo la mano fuori dal finestrino della macchina, chiudere ed aprire gli occhi cercando di attivare lo sharingan, tentare di eseguire più volte con le mani i simboli delle tecniche ( come il chidori o la moltiplicazione del corpo ), tutte cose che solo chi ha vissuto Naruto a pieno può capire. Allora cosa penserò mai del finale di quest’opera? Innanzitutto devo dire che non mi ha ne deluso ne stupito, mi ha lasciato, anzi, indifferente ( anche perchè in uno shonen il finale è la cosa meno importante, vi ricordo il finale di dragon ball dove non mi pare che  vi siano stati chissà quali colpi di scena). L’unica cosa che mi ha reso triste ( neanche troppo) è il fatto che il manga non sia cresciuto con me, o meglio, che non sia arrivato al livello di maturità che mi aspettavo. Per il resto, che dire,  ciò che accade ai personaggi e chi si mette con chi ha poca importanza o almeno non ce l’ha se si ha ben noto il vero e unico messaggio del manga,ovvero, la Speranza. Perché il manga è pregno di speranza in ogni sua immagine e in ogni suo personaggio, sia in quelli buoni che in quelli cattivi ( che poi in realtà non vi sono dei veri e propri cattivi, ma solo uomini che hanno perso la tanta agognata speranza).Questo grande desiderio si risolve  nel finale, divenendo realtà ( Naruto hokage, la pace tra i grandi paesi, bambini ignari delle atrocità della guerra)  e questo già di per se è un successo, perchè in un mondo come il nostro,dove abbiamo tutto tranne che la pace, un manga come Naruto non può che aiutarci a credere ancora in un cambiamento e nel lieto fine. Chiudo mandando un ringraziamento all’autore dell’opera Masashi Kishimoto per tutte le emozioni  che il suo manga ci ha regalato e per tutte quelle che ci regalerà con le sue future opere (almeno spero).

La fine di Naruto: considerazioni in trio
Tag:                     

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: