Per chi è cresciuto tra la fine degli anni ’80 e gli inizi degli anni ’90 l’infanzia è stata costellata di eroi d’azione, di come oggi non se ne vedono più.

Eroi e film che avevamo dimenticato ma che in questo decennio (che sono sicuro i posteri chiameranno “l’era dei remake”) sono tornati a popolare gli schermi di tutto il mondo, con rivisitazioni più o meno riuscite.
Viene quindi naturale un confronto tra le due versioni: confronto che, complice anche l’effetto nostalgia, è quasi sempre vinto dall’originale…

… quasi sempre.

Perchè nel film (anzi, nei film) di oggi, secondo me, il remake del 2014 batte alla grande il classico anni ’80. Sto parlando di

RoboCop

Io non sono un critico cinematografico nè un esperto di cinema… lo dico sempre ma è meglio ribadirlo ogni volta – ed ora che abbiamo messo le cose in chiaro, un po’ di introduzione:

RoboCop è la storia di un poliziotto che, dopo aver subito ferite mortali, viene trasformato in un cyborg freddo e privo di sentimenti programmato per far rispettare la legge ad ogni costo.

Immagino che il primo soggetto di RoboCop non debba essere stato molto diverso da questo, ed in effetti c’è poco altro da dire riguardo la trama che, anche nel remake, è rimasta sostanzialmente la stessa. Ma analizziamo subito i punti di forza (e quelli deboli) delle due versioni

L’originale è il classico film d’azione anni ’80, in cui si parla poco, si pensa ancora meno e si spara un casino.
Effetti speciali in passo-uno, uccisioni al limite dello splatter, battute che fanno cagare (RoboCop: parte uomo, parte macchina, tutto poliziotto): non gli manca proprio nulla…

robocop 1987
So-no-Ro-bo-Cop. Fer-ma-ti.

Oh, non fraintendetemi, il film è bello. Anzi, ha vinto anche l’Oscar per il miglior montaggio sonoro nell’88, oltre che una miriade di altri premi.

Il remake non vuole discosarsi troppo dal primo – come già detto, la trama di fondo è la stessa, con solo qualche piccola differenza nelle modalità (qui il protagonista viene ferito in un’esplosione, di là viene giustiziato ad esempio).

La differenza sostanziale con l’originale sta nel tema di fondo del film: mentre nell’altro era una critica alla società americana (un tantinello fascista, in effetti) ed alle megacorporazioni senza scrupoli, nelle rivisitazione odierna si tende più a focalizzare l’attenzione sui personaggi: che fine ha fatto la famiglia dell’agente Murpy? Come reagisce alla sua trasformazione in cyborg?

robocop 2014
Eh se, il nero snellisce

Nella versione del 2014 la moglie di RoboCop è protagonista – nell’originale, mi pare che venga giusto accenato che “ha una moglie” e poi basta. Guardando il remake ti viene da chiederti quanto ancora di umano c’è in RoboCop, se la sua parte umana prevarrà sulla programmazione, se l’anima è più forte del programma, la vita più forte del freddo metallo.

Nell’originale invece non ci sono dubbi, l’agente Murphy è morto: quello che cammina è poco più che un cadavere animato, una sorta di moderno mostro di Frankenstein, con dei “blocchi” inseriti nella sua programmazione che porteranno inevitabilmente a dei conflitti che il protagonista dovrà riuscire a superare, strizzando così l’occhio ad Asimov ed alle sue leggi della robotica.

RoboCop (1987) RoboCop (2010)
Punti di forza:

  • Semplice, diretto, crudo. Non dice nulla di più di quello che deve dire.
  • Colonna sonora molto ben realizzata ed effetti accurati: si tratta di dettagli che lasciano il film molto più impresso nella mente
  • Il futuro degli anni ’80 – per me questo è un pregio a prescindere. È bellissimo vedere, a distanza di 30 anni, come si immaginavano il futuro e vedere quanto ci avevanto … bellissima la scena in cui si parla di robot e viaggi spaziali (realtà consolidata) mentre una segretaria prende appunti con una macchina dattilografica… ahahah!!!
    Come pure le pubblicità in tv… troppo belle
Punti di forza:

  • Se succede qualcosa, c’è un motivo: tutto () accade per una ragione plausibile – RoboCop viene creato per aggirare una legge che non permette di usare i robot da combattimento (sicuri, efficaci e già collaudati) negli Stati Uniti. La personalità di Murphy viene annullata per ragioni economiche e di marketing, RoboCop deve essere fermato perchè è troppo pericoloso per la OmniCorp, ecc ecc.
  • Ritmo, ritmo, ritmo. Non ci ferma mai un secondo… il film coinvolge, ma senza risultare “azione e basta”
  • Citazioni: Il film è pieno di citazioni dell’originale. E questo mi fa godere come un riccio.
Punti deboli:

  • Effetti speciali – ok che è il 1987, anche nell’Impero colpisce ancora i camminatori li facevano andare in passo-uno ma… questo è troppo innaturale. La scena in cui il robot cade dalle scale… sembra quasi che non abbia peso! Possibile che non riuscissero a fare di meglio?
    Eppure col protagonista sono stati grandi. Ah già, ma lì era tutto make-up pesante…
  • Pesantezza: il film è lento. O forse è il mondo di oggi ad essere più veloce, non so. Io sinceramente non me lo ricordavo così, ma ci sono dei momenti in cui davvero non ti passa più

 

Punti deboli:

  • Come già detto, nell’originale la parte organica di RoboCop è essenzialmente un cadavere. L’uomo è morto, ed al suo posto c’è una specie di mostro che cerca di essere umano, ma non può riuscirci. Qui invece, a parte qualche momento iniziale in cui Murpy preferirebbe morire piuttosto che “vivere” trasformato così, RoboCop è essenzialmente un supereroe: più fico, più forte, ed alla fine riuscirà pure a riconquistare il pieno controllo di sè. Non mi piace, troppo bello, troppo perfetto.
  • Il creatore di RoboCop: forse qui mi contraddico leggermente… va bene che i personaggi siano approfonditi psicologicamente e che ci sia un motivo per ogni cosa, ma qui siamo di fronte al classico scienziato-fesso che crea la superarma ma poi si pente di quello che ha fatto perchè lui credeva che le sue ricerche sarebbero state usate per “il bene dell’umanità”. , imho.
  • PG-13. E ho detto tutto.

Conclusione? Io la mia opinione ve l’ho già detta, per me – nonostante tutto – vince il remake.

E voi che ne pensate?

Due Robocop a confronto
Usb? Naaa, meglio un rostro

No ok, forse per la moto cromata non c’è un vero motivo

Di te sono rimasti solo testa e polmoni… ma io ti salverò, e già che ci sono ti faccio corazzato e pieno di armi. Ma per il bene dell’umanità eh…

Tag:                     

2 pensieri su “Due Robocop a confronto

  • 22 Dicembre 2014 alle 6:23
    Permalink

    Pessimo! …personalmente il remake non mi è piaciuto, o meglio, può essere passabile, se te lo guardi comodamente a casa senza spendere la ragguardevole cifra di otto euri per andare a vederlo al cinema e se su gli altri canali non programmano nulla di più interessante. Io rimango amante dell’originale e sinceramente Hollywood ha scartavetrato i cosidetti con questi remake, rebot, rifacimenti ecc.ecc. sembra che negli ultimi anni non sappiano fare altro! E ora attendiamoci il remake di Mad Max

    Rispondi
  • Pingback:L'era dei Remake - in arrivo Ghostbusters, Indiana Jones e altri

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: