Dopo mesi di nulla cosmico, finalmente un grande Dylan Dog questo mese

Quello di Barbato?

Sì “… e cenere tornerai”

Gustoso! Il Rrobe aveva detto sarebbe stato epocale

Ora un esageriamo
È semplicemente un albo ben scritto e disegnato

A me basta valga i dollari che lo pago

Oddio sì, vista la media degli ultimi dylan forse intendeva quello con epocale. Valerli li vale
Tristezza ci voglia la Barbato, cioè una delle storiche firme per fare un buon DD
Mentre tutti ‘sti nuovi fenomeni che il Rrobe sta lanciando ti fanno quelle robe tipo l’ultimo Color Fest che, sinceramente…

Mi dispiace per il Rrobe che come professionista è valido, ma credo non abbia capito davvero la natura di Dylan Dog. La sua rivoluzione per quanto la apprezzi, tradisce la natura di Dylan
Dylan dovrebbe avere storie come Maggie, dove l’horror è solo un pretesto per raccontare qualcos’altro, un disagio della comunità o dell’uomo, cosa in cui Sclavi è stato maestro indiscusso
Invece tutti si fiondano sull’horror e sull’action e lasciano perdere il resto

Dylan dog è tutto riassumibile in questa frase:”a volte mi chiedo se non sia io, che uccido i mostri, il vero mostro”. E mi dispiace per Bonelli e per Dylan stesso, ma non ho più letto una vignetta che mi facesse pensare a quello

Mah secondo me semplicemente ha fatto un po’ il politicante di turno: ha parlato, parlato, parlato ma alla fine non ha effetivamente fatto un cazzo. Sì Bloch è pensionato ma alla fine è sempre lì puntualmente, Dylan c’ha il cellulare ma ‘sticazzi, nuovi personaggi ci sono sempre stati in Dylan ogni tot e non c’è assolutamente l’elemento di continuity seriale tematica stile serie tv americane che era stato promesso
Neppure una sorta di “stagione tematica” di Dylan, stile Nathan Never
Ogni numero si fa i cazzi suoi come sempre, e finisce che come prima ogni mese é un terno al lotto, con una media generale piuttosto bassa
Esclusi dei singoli (appunto) bei numeri tipo questo o “Il cuore degli uomini”

Per ora secondo me il vero, grande contributo di Rrobe in bonelli è quello dei disegnatori: fra Ringo, Orfani e DD ne sta facendo esordire veramente tanti
Alcuni mostruosamente bravi tipo Cavenago

Quello è una gran cosa.
Comunque credo che l’ultimo numero dylandogghiano (in senso classico) che ho letto sia stato Liam il bugiardo: una storia in diversi aspetti mediocre, ma centrava a pieno lo stile Dylan

Ma anche questo comunque merita.
È una Barbato in ottima forma con anche una coppia di disegnatori dallo stile abbastanza inquietante che mi gustano.
Però una rondine non fa primavera
Cioè non puoi sempre aspettare ci mettano una pezza lei o Chiaverotti
Ne hanno scritti ottocento!
O lo stesso Recchioni. Che comunque a volte esagera pure. Il cuore degli uomini era molto bello
Ma quello prima con John Ghost era il tripudio del citazionismo segaiolo

Si mi ricordo che non l’avevi presa bene

Che poi peccato, perché John Ghost è anche bello come villain. Non ho capito poi perché usarlo una volta e poi mandarlo in pausa per mesi

Dovremmo fare un articolo su questo

Detto fatto!

Dialogo sul presente (e futuro) di Dylan Dog: il nuovo corso
Tag:                     

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: