Telegram è una grande invenzione: ci consente di restare in contatto sempre, anche a km di distanza e di chiacchierare (quasi) come se fossimo sempre nella stessa stanza… sembra strano, ma di tanto in tanto in mezzo a quella marea di notifiche, esce fuori anche qualche discussione interessante.

(a proposito, l’avete visto il nostro nuovo canale Telegram? Iscrivetevi!)

Ad esempio la settimana scorsa, questa notizia ha dato il via ad una bella discussione… per chi non ha voglia di leggerla, ve la riassumiamo in poche righe

Amazon ha deciso di distribuire gratuitamente Lumberyard, un motore grafico per la realizzazione di videogiochi, entrando così a gamba tesa nel mercato videoludico globale

Zitta zitta guardate che si sta comprando amazon, anno dopo anno.
Non mi ero reso conto della serie di acquisizioni che ha fatto:
Twitch, gli sviluppatori della Double Helix, Altri sviluppatori freelance e la Crytek con relativo motore grafico di proprietà
(quello che ora ha distribuito free)

Ha ragione l’articolista nel dire che si sta creando un ecostistema.
Se veramente arriva a diventare produttore di titoli tripla A che per girare hanno bisogno solo di una smart TV (che loro tra l’altro vendono pure, vedi Fire Tv)
Allora faranno soldi con la motopala.

Ci ha provato pure Apple, qualche anno fa, con scarsi risultati… però Amazon ce la può fare.

Sì ma non così intelligentemente, montando tassello dopo tassello e stando attenti a chi è in difficoltà economiche per parassitare gli elementi utili e soprattutto anni fa c’era il problema delle connessioni troppo lente.
Adesso sta andando a scemare. Anni fa una cosa come Netflix non era pensabile come roba di massa.

Quel che è certo è che le console così come le conosciamo oggi devono morire,
sia home che portatili.

Per le console concordo. Stanno diventando obsolete negli anni.
Pure le portatili.

È anche merito delle infrastrutture.

Sta diventando proprio obsoleto il concetto di prodotto pensato solo per un tipo di formato, rigido.
L’idea è quella del contenuto liquido, che si adatta alla piattaforma cel/pc/tv.

Oggi chiunque ha in tasca un aggeggio con una potenza di calcolo di parecchio superiore a quella di una play2
È il futuro.

Nintendo con NX proverà a fare proprio questo: videogame “liquidi”, ma restando sempre nel suo orticello.
Forse si allargherà al mobile, ma col tempo
Per quello NX sarà una specie di ibrido fra casalinga e portatile.

Nintendo dovrà ponderare ogni mossa con la massima attenzione.
E sì, rischiare.
Perché si fa presto a scomparire, pur con brand forti dietro,
Il passaggio corretto di pokemon ai dispositivi mobile per me sarà fondamentale.

Sì, è ovvio che pokemon, prima o poi, dovrà passare definitivamente sui cellulari
Nintendo ha sempre rischiato, e quando ha fatto cilecca si è sempre salvata grazie alle portatili: al prossimo giro non potrà contarvi.
Non perché il 3DS sia una console debole, anzi vende abbestia

Lì le cose sono due: o fai il botto o ti scavi la fossa.

Ma perché le portatili devono morire. Punto.

Esatto. Hanno vita breve ormai.

Già ora il ds lo uso quasi esclusivamente in casa, o nei rarissimi viaggi in treno più lunghi di un’ora…

I 55% degli introiti del mercato videoludico (strano ma vero) lo ha dato il settore mobile

Poi oh, a nintendo le palle di innovare non mancano
A volte pure troppo (vedi GameCube e WiiU, entrambe fantastiche ma scoperte dal grande pubblico troppo tardi)

C’è pure un’altra cosa da dire…

Questo passaggio ci fa capire quanto siamo obsoleti, oltre che
cronologicamente datati.
Speriamo duri Steam, almeno quello lo capisco ancora.

Il futuro dei videogames è liquido?
Tag:             
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: