Un’altra puntata delle  Oscure Trame dedicata a un altro cugino sfigato dei Power Rangers – trovate qui l’articolo sui VR Troopers e qui quello sui Super Human Samurai – Masked Rider.

Masked Rider, neanche a dirlo, è stato prodotto nel 1995 dalla Saban Entertainment riciclando (nel vero senso della parola: le scene sono copincollate, anche se a volte sono state fatte delle aggiunte americane, incollate a pezza) una serie giapponese, Kamen Rider. Per la precisione la nona edizione (Kamen Rider Black RX) e un paio di film.
La grande differenza è che il Kamen Rider originale ha un forte seguito in Europa, testimoniato da giochini e gadget vari, mentre non si può dire la stessa cosa dei Power Rangers o VR Troopers in Giappone.

La serie del Masked Rider arrivata da noi è un’unica serie americana di 40 episodi nata come spin-off dei Power Rangers, forgiando con i VR il concetto di universo condiviso quasi 15 anni prima della Disney/Marvel. Il personaggio fu infatti introdotto nei primi 3 episodi della terza serie Mighty Morphin: curiosamente i PR non sarano menzionati nella serie stand alone.

Ora, come da ormai tradizione, la sigla:

Dex, il protagonista, è un alieno (che, casualmente, ha l’aspetto di un normale teenager terrestre) principe del pianeta Edenoi. Suo padre, il re, è stato spodestato dallo zio, Count Dregon, ovviamente un tiranno e un distruttore intergalattico. Arriva cosi sulla terra per proteggerla, atterrando davanti alla casa della famiglia Stewart; famiglia che ha adottato talmente tanti figli interrazziali che nessuno si stupisce quando ne compare uno nuovo (giuro). Come già detto, nel pilot della serie non vengono menzionati i Power Rangers, che nella loro serie avevano conosciuto Dex andando su Edenoi, pianeta natale di Alpha 5, per salvarlo dal Count Dregon. Si dice che i PR siano stati tagliati da questa serie perché in una fase calante della loro popolarità.

Il Bellissimo Count Dregon

Si scopre così che Dex è stato inviato sulla terra dal nonno, che gli fornisce anche i poteri del Masked Rider, una sorta di campione degli Edenoi, per proteggerla dallo zio e i suoi Insectivori, (dei mostri giganti da combattere, ovviamente). Gli episodi sono così strutturati: Situazione iniziale tranquilla – arriva il mostro – Dex lo sconfigge – ritorna la pace.

Formula vincente non si cambia.

Tipico esempio di Insectivoro – parte la musica di Superquark

Ma che poteri ha un Masked Rider? La dotazione standard prevede un simil-Zord, cioè la moto Crono e l’auto Magno, tenute nascoste in una grotta e dotate di intelligenza propria. Poi un’armatura e una spada, che vengono regolarmente potenziate per vendere giocattoli ai fini della trama.

Si parte con l’armatura originale…
…passando per la “Super Gold”…
…arrivando alla “Super Blue”, con tanto di teletrasporto liquido e super spada “Blue Saber”.
Dicevamo: la moto Chrono e l’auto Magno, con tutta una serie di trasformazioni per far spendere soldi ai poveri genitori

Gli Edenoidi si sono evoluti dagli insetti e non dalle scimmie (da qui l’armatura); sono superforti e hanno poteri telepatici innescati da una gemma posta sulla testa.

Ted Jan Roberts, l’interprete, era un baby attore che praticava arti marziali, ricordato soprattutto per il film Magic Kid, del 1993. Dopo la serie, è praticamente scomparso.

Giusto, come non citare lo pseudo-Alpha 5 della serie: Ferbus, l’animale da compagnia di Dex… in pratica un chihuahua alieno che vive nascosto nelle borse della palestra.

Tutto bello, tutto giusto, ma come finisce?

Dopo il 27esimo episodio la serie venne cancellata per colpa dei pochi ascolti. I restanti 13 furono assemblati, più o meno, con il materiale a disposizione e mandati in onda per inerzia in syndacation, tanto è vero che l’ultimo episodio Detention non contiene un vero finale.

Come riptuto allo sfinimento, l’intero franchise dei Power Ranger e soci è invecchiato molto male, Masked Rider è però uno dei cloni più amati, sia per la bellezza dei giocattoli che per le musiche, talmente belle che saranno riciclate per i Digimon. Giuro.

La stessa trama aveva qualche spunto originale, mescolando diversi temi da sit-com: Dex non conosce la terra, non conosce la cultura terrestre e la impara dalla tv (commedia degli equivoci?), ha una famiglia multiculturale con un padre che passa le giornate a creare invenzioni strane e un alieno animale da compagnia che sembra Furby.

Probabilmente la vena comica è stata però un’arma a doppio taglio, oppure il format aveva stufato (eravamo già arrivati alla terza e ultima serie dei Mighty Morphin Power Rangers). Nei forum americani, comunque, molti lamentano che la Saban non abbia mai fatto uscire un’edizione Blu-ray e che le copie digitali disponibili siano di bassa qualità.

Tutto sommato, Il Masked Rider ha ancora dei fan.

Me la portò Babbo Natale…era meravigliosa..

La Marvel in compenso ci ha regalato un adattamento a fumetti:

Per chiudere in bellezza: l’incontro tra i Power Rangers e Rider:

Le Oscure Trame – Masked Rider
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: