Bentornati alla nostra rubrica Venerdì retrò! Dopo avervi raccontato la storia del Game Boy, oggi vi presenteremo le diverse incarnazioni dei Pokémon! Attenzione: qui tratteremo solo l’edizione Game Boy/NDS canonica, per il N64 e gli extra (vedi Pokemon Pinball, Ranger, Card, i remake etc) dovrete aspettare ancora!

1) Prima generazione: Rosso & Blu (Giallo e Verde) – 1996

pokemon_red__blue__green_and_yellow_covers_by_morei_sky-d6oxpnk

1996: In Giappone vengono pubblicati Pokémon Rosso e Verde. Inizia la leggenda.

Il gioco, uscito in concomitanza con il Game Boy Poket, è un fenomeno di massa. L’anno successivo i mostri tascabili arrivano in America e in Europa (qui distribuiti come Rosso e Blu, con la risoluzione di alcuni bug nei confronti della versione giapponese). Nel 1998 esce invece la versione gialla dove, ricalcando l’anime e il manga, il protagonista inizia con Pikachu e riceve nel gioco tutti e tre gli starter. Geniale la gestione del mistero del 151esimo pokemon, Mew  (lo sapete come si cattura Mew?).

Starter: Bulbasaur, Charmender e Squirtle

2) Seconda Generazione: Oro & Argento (Cristallo) – 1999

download

Il 1999 è invece l’anno delle versioni Oro e Argento, da molti considerate le migliori versioni mai realizzate a causa della loro longevità. Il gioco, retrocompatibile con la prima generazione, è interamente a colori, ideato per il Game Boy Color, uscito l’anno precedente. Nel 2000, ricalcando la mossa marketing di Pokémon Giallo, esce Pokémon Cristallo.

Starter: Chikorita, Cyndaquil e Totodile

3) Terza Generazione: Rubino & Zaffiro (Smeraldo) – 2002

388f9fdfd29fd8459993abbaa5bdb5da

Tre anni dopo esce la terza generazione di pokémon, con i titoli Rubino e Zaffiro. Questa versione segna una cesura dal passato: non è più possibile più trasferire i vecchi pokemon ed è presente un nuovo motore grafico, reso possibile dal fatto che il Game Boy Color ha ormai lasciato il testimone al Game Boy Advance. Seguendo la solita strategia, nel 2004 esce la terza versione del gioco, Pokémon Smeraldo.

Starter: Treecko, Torchic e Mudkip




4) Quarta Generazione: Diamante & Perla (Platino) – 2006

migrate-pokemon-to-diamond-pearl-platinum

Passano altri due anni, e ormai il brand Game Boy non esiste più. Adesso i ragazzi giocano al Nintendo DS, e la casa Giapponese lancia i nostri mostriciattoli preferiti per la sua nuova console: ecco Pokémon Diamante e Perla. La quarta generazione è compatibile con la terza (il primo DS era infatti ancora compatibile con l’Advance), sfrutta la possibilità del doppio schermo ed introduce gli scontri on line.

Starter: Turtwig, Chimchar, Piplu

5) Quinta Generazione: Versione Nera & Bianca – 2010

pokemon

Siamo quasi alla fine della lista: 2010, l’inter vince il triplete, a Vancouver si tengono le XXIesime olimpiadi invernali e la Nintendo lancia, sempre per Nintendo DS, la quinta generazione, con la versione Nera e Bianca. Motore grafico fortemente migliorato e una nuova strategia: nel 2012 invece di lanciare una terza versione del gioco, vengono pubblicati i seguiti Pokémon Versione Nera e Bianca 2.

Starter: Snivy, Tepiq e Oshawott

6) Sesta Generazione: X & Y – 2013

Cover

Finalmente il 2013, Pokémon X e Y. Recensiti qui da Pennastanca, la nuova versione presenta la grafica 3D e la possibilità di fare megaevolvere alcuni fra i pokemon più famosi, fra cui gli starter di prima generazione.

Starter: Chespin, Fennekin e Froakie

6) Settima Generazione: Sole & Luna – 2016

Ultimo gioco di Pokémon per Nintendo DS aspettando che la newborn Switch mandi tutti in pensione, Pokémon Sole & Luna! Con questa uscita Nintendo mischia un po’ le carte: via il sistema delle palestre, via le MN (finalmente) e più spazio al battling competitivo e all’aftergame. Indubbiamente uno dei giochi più riusciti del lotto.

Trovate QUI la nostra guida di Pokémon Sole  & Luna.

Starter: Rowlet, Litten e Popplio

Venerdì retro: tutti i giochi dei Pokémon
Tag:             
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: