Con Titans, da ormai qualche settimana, la DC ha inaugurato la sua piattaforma di streaming online: potremmo parlare di questa scelta, criticarla o approvarla ma si tratterebbe solo di discorsi campati in aria visto che, per ora, il servizio è disponibile solo negli USA.

Quindi, noi non-sudditi di Trump, per il momento, dobbiamo attaccarci al tram. È di pochi giorni fa la notizia che la DC ha stretto un accordo con Netflix per diffondere le sue nuove serie (tra cui appunto Titans) al di fuori degli USA ma non è chiaro con che modalità nè con quanto ritardo – figuriamoci il se e quando le vedremo mai in Italia.

Ma sarà forse questo ad impedirci di dare una sbirciata a Titans?

Ancor prima di superare questo piccolo ostacolo però, possiamo farci un’altra domanda – ben più interessante della precedente: perchè Titans?
Cioè perchè non Teen Titans?

I Giovani Titani (Teen Titans), chiamati anche Titani in successive incarnazioni, sono un gruppo di supereroi adolescenti dei fumetti dell’universo della DC Comics[2] ideati da Bob Haney e Bruno Premiani[3]. Raggiunsero il successo negli anni ottanta quando Marv Wolfman e George Pérez cominciarono a lavorare sulla serie The New Teen Titans e da allora i personaggi hanno mantenuto una certa popolarità. Nel 2003 ne è stata tratta una serie a cartoni animati.

da Wikipedia

Non mi dilungherò troppo a spiegare chi sono i Teen Titans e qual è stata la loro importanza nella storia del fumetto supereroistico – posso copiaincollarvi tutte le definizioni ed i link del mondo, ma chiunque abbia più di… mmm.. 12 anni, quando legge Teen Titans sicuramente pensa (o dovrebbe pensare) a questo

Cyborg, Starfire, Raven, Beast-Boy e Robin – la formazione più celebre del gruppo, nota al grande pubblico per la serie animata a cui si riferisce il poster qui sopra (e anche per la più recente serie Teen Titans Go!, rivolta ad un pubblico più piccolo e recentemente sbarcata al cinema con un film gustosissimo, che vi consiglio alla grande)

Ma qualunque sia l’incarnazione dei Teen Titans che vi viene in mente per prima, c’è una sola parola chiave: teen – che in italiano si può traddurre più o meno con “giovani” o “adolescenti”.
Ora, tecnicamente i “teen” sarebbero quelli che hanno tra i 13 e i 19 anni – il porno ci insegna che volendo ci si può (anzi, in quel caso deve!) anche spingere un po’ più in là, tipo 22-23… ma i Titans della serie hanno abbandonato quell’aggettivo non solo nel titolo ma anche nella sostanza.

I primi personaggi che ci vengono presentati sono una Raven 15enne (l’unica vera teen, assieme forse a Beast-Boy) spaventata dalla cosa che è dentro di lei e che le dà i poteri ed un Dick Grayson tormentato, che ha abbandonato il suo mentore Batman in pieno contrasto e che ha lasciato Gotham per andare a lavorare come Detective al dipartimento di polizia di Detroit.

La scena del “fuck Batman” rimarrà nella storia


Certo, di tanto in tanto indossa ancora i panni di Robin per sfogarsi e pestare qualche delinquente ma sappiamo tutti che li abbandonerà presto perchè, quando indossa quella maschera, non riesce a controllarsi e sembra quasi che far male alla gente gli piaccia.
Un Dick Grayson molto oscuro, tormentato – anzi la parola giusta è proprio incazzato, con sè stesso e con il mondo; ed è solo uno dei personaggi che rendono così noir questo inizio serie – Starfire è una disadattata dall’omicidio facile, Beast-Boy un ragazzo sperduto e Raven… bè, Raven ha così paura di se stessa che tiene a bada il demone dentro di lei recitando il Padre Nostro.

L’oscurità è il tema centrale: non solo è presente nel cuore dei protagonisti, ma anche nelle scelte di regia – un sacco di ambienti bui , inquadrature in ombra, scene notturne e stanze poco illuminate.

Il destino di Raven sarà quindi il motore del primo arco narrativo, l’incipit che renderà uniti i personaggi: al momento in cui vi scrivo sono uscite solo le prime 5 puntate della serie, anche se si intuisce dove andremo a parare (Dick abbandonerà il mantello di Robin molto presto, questo è certo – e già sta nascendo qualcosa tra lui e Kory).
Non è chiaro se questo tono dark verrà mantenuto o se verrà pian piano abbandonato in favore di toni più leggeri, tipici dei Teen Titans che conosciamo.

Gar (Beast-Byo), Rachael (Raven), Dick (Robin/Nightwing) e Kory (Starfire). Cyborg è stato “promosso” alla Justice League, quindi non comprarà nella serie (almeno per ora…)

Già. ma questi Titans non sono più teen…



Titans: chi ben dark comincia…
Tag:                                 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: