Ok ragazzi, scusate il ritardo: adesso l’ho visto anch’io… per motivi tecnici (cioè serpi in tasca) non ho potuto vederlo con gli altri e partecipare alla  loro recensione ma ci tenevo lo stesso a dire la mia quindi… eccoci qui, ancora una volta, a partare di Captain America: The Winter Soldier

Già ve lo anticipo, stavolta mi è piaciuto
Già ve lo anticipo, stavolta (incredibilmente) mi è piaciuto. E io che non ci avrei scommesso ‘na lira…

Partiamo dalle note positive – che, contrariamente a quanto mi aspettassi, sono abbastanza numerose.

Innanzitutto va detto: il film è bello. Ma bello davvero, di quelli che ti fanno venire voglia di prendere il dvd e non lo faccio solo perchè altrimenti, come ogni nerd che si rispetti, sarei moralmente obbligato a procurarmi anche quelli di tutti i prequel/sequel presenti passati e futuri. Un’ottima sceneggiatura, una trama che funziona ma sopratutto che esiste – cosa che non si può certo dire di Iron Man 3, ad esempio – lo rendono un film estremamente godibile e, finalmente, serio.

Non serioso, attenzione; non è il Batman di Nolan (e meno male) ma neanche sembra una bella copia di Colorado come Avengers e Iron Man vari… qualche battuta qua e là c’è, ovviamente, ma sono poche, ben dosate e soprattutto al momento giusto. Bravi, continuate così.

Le scene d’azione sono un tantino caotiche ma è una scelta di regia che può piacere o non piacere: si tratta comunque quasi sempre di scambi abbastanza semplici, descritti anche nel manuale di regia delle Giovani Marmotte e che si seguono abbastanza bene. Gli attori sono… be’, sono quello che sono, ma più di tanto non si può pretendere nei film Marvel.

Chris "patatone" Evans ci delizia con una delle sue migliori espressioni
Chris “patatone” Evans ci delizia con una delle sue migliori espressioni

Bene, ora che ho finito di tesserne le lodi, passiamo ai punti deboli del film.

Intanto, il titolo: Captain America: The Winter Soldier. Bello eh, peccato che the Winter Soldier, nel film, non c’è quasi mai… giusto una quindicina di minuti scarsi.

Esatto, proprio come lei!
Esatto, proprio come lei!

Si vabe’ ci hanno provato provato a dargli un po’ di spessore (col fatto della sua identità, che non vi dico per amor di spoiler)… fallendo miseramente: insomma se non ci fosse stato, probabilmente, non se ne sarebbe accorto nessuno e il film sarebbe andato esattamente nello stesso modo.

Poi… Ragazzi, se non avete visto le puntate 15-16-17 della serie sullo shield (Marvel’s Agents of S.H.I.E.L.D., per gli amici) mi duole informarvi che vi siete persi un 50% buono della trama. Il che non è necessariamente un male, intendiamoci: come ho già detto il film è fatto bene e può benissimo essere visto da solo… è un bene più che alto per la serie che, fino a pochi episodi prima, era totalmente anonima e priva di senso. Almeno adesso ha un motivo di esistere (dalla puntata 12 in poi, prima è comunque inutile)

Poi vabè, la solita critica che hanno fatto anche gli altri all’universo-condiviso-che-però-non-lo-è, e dove cacchio stava Iron Man durante tutto ‘sto macello, perchè non hanno mandato Hulk a sfondare di calci l’HYDRA… ma non è questa la cosa che più mi ha dato fastidio del film.

La cosa più brutta di Cap 2 secondo me è stata… il trucco di Scarlett Johansson. Cioè ma l’avete vista come l’avevano conciata? Già lei sta male coi capelli ricci (ma la Vedova Nera è così e ci si può far poco) ma, cacchio, è una fottuta spia venuta dalla Russia! Si chiama Natasha! E allora perché le hanno messo quella tonnellata di terra sulla faccia? Aveva la carnagione di una pellerossa… è russa, dannazione, russa. Le russe sono pallide. Eccheccavolo.

Comunque dai a parte questo, sono soddisfatto. Una volta tanto posso dirlo, valeva i 5,50 € del biglietto.

Pure la comparsata di Falcon è stata gestita bene. Non inutile, non troppo ingmbrante.
Pure la comparsata di Falcon è stata gestita bene. Non inutile, non troppo ingombrante.

 

Alla prossima, ciao!

 

 

P.S (spoiler per chi non ha visto la scena dopo i titoli di coda)

E mo’ voglio vedere come ce li infilano Scarlett e Quicksilver senza tirare in ballo mutanti, X-Men e compagnia bella di cui non hanno i diritti. Li voglio vedere proprio.

Captain America: The Winter Soldier – Seconda opinione

3 pensieri su “Captain America: The Winter Soldier – Seconda opinione

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: